Fotoreporter E-mail
Contributi di Renato   

Il fotoreporter è un giornalista (in inglese, reporter) che racconta i fatti attraverso le immagini fotografiche. In italia i fotoreporter, se iscritti all'ordine, sono giornalisti a tutti gli effetti e l'esatta denominazione è fotografo.
Il fotoreporter è anche una figura di giornalista che, oltre a raccontare la cronaca con le immagini, sono anche autori degli articoli che compongono il servizio. Quindi in Italia il fotoreporter può essere sia giornalista, sia fotografo. Solitamente il fotoreporter accompagna il giornalista scrivente nelle missioni dove è inviato.

Il fotoreporter e specializzato nello scattare foto di eventi o di personaggi di attualita per la pubblicazione su quotidiani, riviste e altri mezzi di comunicazione. Quando si tratta di un fotografo stimato e di lunga esperienza nel settore, capace di raccontare con le immagini azzerando la parola, la condizione può anche invertirsi.
Il fotoreporter di un quotidiano si limita a fotografare quello che gli viene richiesto: sarà poi il cronista a selezionare gli scatti e a provvedere alle didascalie. Questo tipo di rapporto è spesso conflittuale per il professionista dell’immagine.

Il fotoreporter si occupa di:
- scatta foto di fatti ed eventi politici, sportivi, culturali, per l'inserimento in quotidiani e periodici;
- scatta fotografie per pubblicazioni;
- fa reportage fotografici che completa con un proprio testo;
- riproduce e stampa foto, effettua ingrandimenti e riduzioni di stampe fotografiche e diapositive;
- realizza documentazioni fotografiche per archivi;
- coltiva contatti con editori e case editrici;
- organizza mostre ed eventi relativi ai suoi lavori.
Il fotoreporter svolge il suo lavoro in ambienti tra i più diversi, come, ad esempio, sale conferenze, stadi, aria aperta, centri urbani, talvolta in situazioni di pericolo (ad esempio in caso di manifestazioni, tumulti, conflitti militari, etc.), in condizioni meteorologiche sfavorevoli e al di fuori dei tradizionali orari di lavoro.

Il suo principale strumento di lavoro è macchina fotografica, anche digitale, e relativi accessori; sistemi d'illuminazione; importanti anche i numerosi strumenti di laboratorio per lo sviluppo e la stampa. Recentemente, un ruolo sempre più importate è stato assunto dal computer con i relativi programmi di ritocco fotografico.
Frequente è la scelta di un fotoreporter che non tollera un rapporto di dipendenza con un giornale e diventa imprenditore di se stesso, organizzando da solo o con altri colleghi, un agenzia.

REQUISITI
Per svolgere la professione di fotoreporter bisogna avere molta determinazione per ottenere un appuntamento, alle redazioni dei giornali, alle agenzie o a qualche studio fotografico.
L'essenziale è presentarsi con il cosiddetto book, una raccolta delle proprie fotografie. Ma oltre all'intraprendenza servono anche requisiti precisi e indispensabili: spirito di osservazione e senso della notizia, fiuto per la notizia. Il fotoreporter, non va dimenticato, è prima di tutto un giornalista dell'immagine.
Serve inoltre conoscenza delle lingue e delle nuove tecnologie e una cultura interdisciplinarietà. Oggi non è concepibile lavorare senza conoscere e saper usare Internet, il modem e la riproduzione digitale. Queste competenze permettono in più di essere competitivi sul mercato e di lavorare in tempo reale.

Le qualità necessarie per un fotoreporter sono:
- ottima conoscenza del suo strumento di lavoro, per affrontare le diverse condizioni in cui si trova a lavorare;
- guardare fatti e persone da una angolazione che non sia solo quella artistica;
- capacità di cooperazione con il giornalista che viaggia insieme a lui.
Il fotoreporter deve conoscere:
- La teoria della tecnica: materiali sensibili, macchine fotografiche tradizionali e digitali, attrezzatura d’illuminazione per la ripresa, modi e attrezzature per l’invio delle immagini digitali, archivio fotografico.

- Il linguaggio fotografico e comunicazione visiva: elementi di composizione, lettura critica dell’immagine, analisi dei generi di reportage, tecniche di ripresa.

-  Come ottenere permessi, visti e accrediti, come arrivare al luogo prescelto per il reportage, come comportarsi in ambienti climaticamente e socialmente difficili o pericolosi, come presentare il proprio lavoro.
Bisogna tener presente che la prontezza di riflessi nello scattare la fotografia non basta per fare una buona foto da reportage: è necessario progettare lo scatto in modo dettagliato per ottenere impatto visivo, un chiaro ed evidente centro di interesse, dinamismo e luce drammatica. Allo stesso modo è di fondamentale importanza la scelta dell'inquadratura: può capitare di escludere dall'istantanea un elemento senza il quale la rappresentazione dell'evento può risultare incompleta o addirittura fuorviante.
Il mestiere del fotoreporter è impegnativo sotto molti punti di vista: si è sempre in viaggio, spesso in condizioni difficili e in luoghi pericolosi (teatri di guerra, zone inaccessibili), per questo è necessario avere grande energia e spirito di avventura.
Occorre saper prendere decisioni in poco tempo e spesso è esposto a rischi quando deve essere in prima linea sul luogo dell'azione durante i momenti salienti

FORMAZIONE
Per diventare fotoreporter non esiste un percorso preciso e istituzionale, cadenzato da tappe scolastiche. La professione, in Italia, è caratterizzata essenzialmente da anni di apprendistato e di esperienza.
Per cominciare e tentare un primo approccio, è utile e consigliabile frequentare una scuola di fotografia che permette di apprendere le tecniche di base.

PER SAPERNE DI PIU'
Per maggiori informazioni sulla figura professionale del fotoreporter, è possibile contattare:
- Fpa - Fotoreporter professionisti associati
ia di Torre Rossa 35 (Presso Studio Bartolini-Cesari)
00123 Roma (RM)
tel. e fax 06 97613590
e-mail
sito web: www.fotogiornalisti.eu
L’associazione si propone di promuovere il riconoscimento di tutti i diritti connessi alla professione e presenta al pubblico il lavoro dei fotoreporter attraverso la divulgazione delle opere dei suoi associati, con mostre, pubblicazioni e incontri. La Fpa si propone come interlocutore privilegiato nei confronti di istituzioni ed enti pubblici e privati.
Infine, l’associazione si prefigge un riordino del fotogiornalismo in collaborazione con le altre professionalità che operano nel settore del giornalismo visivo.

 

FONTE: http://www.jobtel.it/Default.aspx?sezid=03&action=mestieri&idmestiere=1499&descr=Fotoreporter

<Precedente   Prossimo>

Copyright© 2007 Cooperativa Sociale Kairos - Tutti i diritti sono riservati